2016, Attese più fusioni nel gioco online

gen 05

L’anno appena trascorso è stato il più attivo del decennio in termini di consolidamento del settore dei giochi online. L'ondata di fusioni e acquisizioni non è ancora finita. Mentre da un lato i governi aumentano la pressione fiscale in un momento in cui le aziende sono in competizione più che mai per attrarre nuovi clienti, gli analisti prevedono che il modo migliore per combattere la redditività ridotta è quello di unire le forze.

Secondo i dati compilati da Bloomberg, il volume delle transazioni annunciate nel 2015, che ha raggiunto 12.900 milioni di dollari, è stato di circa il doppio rispetto al 2014 e il più grande dal 2005.

"Le fusioni continueranno considerata soprattutto la tendenza dei governi di tutto il mondo ad aumentare le tasse sul gioco", ha detto Warwick Bartlett, amministratore delegato della società di ricerca Global Betting and Gaming Consultancy. “C'è una mancanza di redditività e la necessità di aumentare i rendimenti da parte delle società".

L'annuncio nel mese di agosto dell’acquisizione di Betfair Group da parte di Paddy Power Plc per 2.900 milioni di sterline (4.400 milioni di euro), ha dimostrato che le aziende si fondono per far fronte alle forti misure adottate dai governi che cercano di rafforzare la loro posizione in un mercato in forte espansione rappresentato dai giochi online, capace di muovere 40.000 milioni di dollari.

Nel 2015 si sono contati 72 interventi in questo settore industriale, la più grande quantità dal 2006. Negli Stati Uniti, Lakes Entertainment si è unita a Golden Gaming, mentre la caduta economica di Macao, uno dei centri più attivi di gioco d’azzardo, ha portato Crown Resort a valutare il ritiro dalla Borsa di alcune azioni.

Secondo Paula Murphy, analista di Fitch Ratings a Londra, “nel 2016 ci saranno più operazioni, anche se forse non sulla scala di quest'anno”. “Europa, Medio Oriente e Africa, EMEA in breve, sarà la regione in cui è più probabile si effettuino tali operazioni”, ha aggiunto."Ci sono troppi protagonisti nel mercato dei giochi EMEA, compresi i nuovi operatori online", ha detto Murphy . "Un ulteriore consolidamento potrebbe lasciare gli operatori in una posizione migliore per far fronte alla crescente regolamentazione e ai requisiti di spesa in beni capitali", ha concluso Murphy.

L’ analista di Citigroup, James Wheatcroft, sostiene inoltre che è probabile vi siano più operazioni perché le aziende cercano di ottenere più redditività utile ad avere più risorse da investire nel marketing, in nuovi prodotti e tecnologie. E’ questo il motivo che ha portato alla fusione dei bookmaker leader nel Regno Unito, Ladbrokes e Coral.

Secondo il consulente Bartlett, una possibile operazione sarebbe l'acquisizione di 888 Holdings da parte di William Hill, transizione che le due aziende hanno valutato nel 2015. Le trattative si sono concluse nel mese di febbraio scorso a causa di differenze nelle valutazioni e da allora le azioni di 888 azioni sono cresciute del 22%, anche dopo che la società è stata sconfitta da GVC Holdings nell'asta per l'acquisizione di Bwin.party Digital Entertainment.

La crescita delle azioni ha portato il valore di mercato di 888 a circa 658.000.000 sterline. “I mercati di gioco più competitivi nell'EMEA, manterranno i margini operativi sotto pressione nei prossimi tre anni”, ha affermato Murphy di Fitch.