Cardia (Acadi): "Gioco patologico, contrasto sia priorità del sistema concessionario"

set 04

Geronimo Cardia, presidente di Acadi, ha parlato, e molto, dell’inizio del Governo Conte Bis, focalizzandosi sull'introduzione del rafforzamento dell’azione di contrasto al gioco d’azzardo patologico, come viene ampiamente spiegato al punto 22 del nuovo accordo di governo.

Il contrasto al disturbo da gioco d’azzardo, e non solo al gioco d’azzardo patologico, rappresenta il primo obiettivo, se non proprio la ragion d’essere, del sistema concessorio e del comparto del gioco pubblico che, anche e soprattutto per questo, mette a disposizione dei cittadini un’offerta di prodotti regolamentata e misurata dallo Stato attraverso il canale distributivo di operatori qualificati, selezionati e controllati che presidiano i territori (ove ciò risulta ancora consentito dai distanziometri viziati da errore tecnico che determina il pluridenunziato effetto espulsivo), confinando di fatto l’offerta di prodotti incontrollati, e per questo per definizione nocivi, messi a disposizione invece dall'illegalità” – ha sottolineato Cardia.

Il presidio dei territori con un’offerta pubblica di gioco stabile, misurata, capillare e qualificata, col compito di distribuire prodotti sempre più regolamentati, misurati e controllati attraverso l’innovazione e l’evoluzione tecnologica, il processo di maturazione della domanda di gioco attraverso il raggiungimento di una consapevolezza piena attraverso messaggistiche adeguate, prevenzione e coinvolgimento di sistema delle strutture sanitarie del territorio rappresentano strumenti di contrasto al disturbo in una democrazia evoluta ed inserita in un contesto internazionale come quello europeo. L’orizzonte è chiaro, il cammino è ancora lungo, le tappe sono tante ma il tempo a disposizione è poco: riordino e stabilità del sistema concessorio, che rappresentano i pilastri per l’attuazione del contrasto concreto al disturbo da gioco d’azzardo, non possono far aspettare utenti, lavoratori, imprese ma neanche territori, Regioni, enti locali e Stato per la stabilità della prevenzione, dell’azione sanitaria, del gettito erariale e del contrasto all'illegalità”.