I dieci segreti dei casinò

mar 28

I casinò sono delle imprese solide che non si basano esclusivamente sulla capacità di attrarre persone e visitatori, ma soprattutto sulla strategia di acquisire, fidelizzare e mantenere i clienti nel tempo.

Le sale da gioco rappresentano da sempre un’opportunità per incrementare il peso specifico del nostro conto corrente bancario, ma nel caso in cui non fossimo abbastanza esperti è molto alto il rischio di tornare a casa con il portafogli svuotato. Per questo motivo, abbiamo deciso di svelarvi alcuni degli stratagemmi che i croupier e gli addetti ai lavori generalmente usano per mantenere i giocatori incollato allo sgabello.

1 – Non ci sono orologi

Nessun addetto ai lavori e nessun arredamento della sala da gioco presenta un orologio. Aspetto che i gestori del casinò hanno studiato a tavolino nel tentativo di ibernare la condizione spazio temporale ai visitatori, fatta eccezione nel caso in cui impegni già prefissati costringano i giocatori a monitorare costantemente l’orario sui display del proprio telefonino. Quando una persona non trova alcun orologio nello spazio visivo, lascia trascorrere inesorabilmente il tempo, inoltre è molto probabile che invece di restare incollato ad un tavolo da gioco per un’ora ne passino almeno tre senza rendersene conto.

2 – Non ci sono finestre

Nei casinò non sono mai presenti delle finestre. Questa assenza è strettamente legata alla questione orologi e non ci permette di sapere se sia giorno o notte, inoltre scongiura la possibilità di essere distratti dall’esterno.

3 - Luci, suoni e attività

Il casinò è un luogo decisamente stimolante dal punto di vista sensoriale: suoni e movimenti, campane, sirene, luci, il tintinnio delle monete che cadono sul fondo metallico delle macchine. Tutto questo insieme fornisce indirettamente ai visitatori dei feedback psicologici positivi, come la sensazione che si può sempre vincere e il sentirsi a proprio agio in un luogo accogliente.

4 - Ambiente

Non so se avete mai prestato attenzione all’illuminazione generale. Le luci basse e dolci creano quella atmosfera soft che rende il clima molto interessante per trascorrere il tempo libero. Allo stesso modo, la disposizione dei tappeti nei casinò non è random, ma segue una logica precisa. A prima vista potremmo giudicarli come degli ornamenti di cattivo gusto a cause delle forme asimmetriche e degli anomali disegni, ma l’effetto positivo ambientale è capace di renderli attraenti e piacevoli guardare. Anche i colori sulle pareti svolgono un ruolo chiave: generalmente dominano il rosso o il verde, tonalità che infondono sicurezza. E la musica? Naturalmente cool.

5 - Ubicazione dei servizi

Se desideriamo andare al bagno, mangiare qualcosa o bere un drink, l’impresa è decisamente ardua. Di solito questi servizi sono ubicati in luoghi remoti del casinò. Questo serve a tenerci più a lungo dentro la sala da gioco e a passare nuovamente attraverso una serie di macchine e giochi che incarnano il diavolo tentatore. E’ interessante analizzare questo aspetto, perché quando si vincono ingenti quote di denaro il giocatore sente sempre l’esigenza di poter effettuare un'ultima puntata prima di rincasare. Un altro concetto da valutare è quello dei casinò resort che custodiscono i tavoli da gioco e le macchine all’interno delle proprie viscere. L’uscita impervia attraverso scale mobili, rampe e ascensori sviluppa nel nostro subconscio quella sensazione di staticità che ci permette di allungare la nostra permanenza nei casinò.

6 - Vicini alla vittoria

Vincere e l’essere vicini alla vittoria, sono due fatti che generano adrenalina nel giocatore. Tutti i giochi da tavolo o le macchina sono state progettati per distribuire piccoli pagamenti a breve termine, ma a lungo termine rimarrà tutto dipenderà dalla vostra abilità e dal volere della dea bendata. A volte sono anche i medesimi giochi che presumibilmente danno al giocatore un senso assoluto di “controllo”, ma battere il gioco è sempre un compito arduo. Quella strana sensazione di essere vicino alla vittoria è il grande business dei casinò.

7 - Regali

I servizi gratuiti offerti dai casino sono essenziali per la nostra sopravvivenza. I giocatori frequentemente ricevono pietanze e fiches gratuite, spettacoli e altri lussi. Tutto questo lavora indirettamente sulla psicologia del giocatore che, anche in occasione di pesanti perdite, avverte quella sensazione di aver vinto qualcosa.

8 - Il segreto dei drink

I cocktail lavorano a favore del casinò, generalmente ci sono cameriere che le distribuiscono gratuitamente nel valzer dei tavoli. Questo è un accorgimento che, oltre ai novellini, fa cadere in tentazione anche i giocatori più esperti. Dei must come il poker e il blackjack richiedono l’uso di una strategia sopraffine, ma l’alcool ha la funzione di rallentare il nostro cervello e di conseguenza ci porterà a prendere decisioni sbagliate nei momenti cruciali.

9 - Il trattamento dei grandi vincitori

Sono trattati come dei veri e propri re ai quali vengono offerti lussi di ogni genere, regali e premi. L'obiettivo dei gestori è quello di lavorare sulla psicologia del giocatore in modo che possa ripresentarsi in futuro all’interno della struttura e inevitabilmente spendere più denaro. Questi premi e il trattamento privilegiato non significano nulla al casinò, il cui obiettivo è quasi sempre di interesse economico come tutte le aziende del mondo.

10 – Progetto labirintico

I casinò sono enormi labirinti progettati in modo che uno si perda completamente, un po’ come Ikea. Sono un oceano di macchine e ostacoli per mantenere il giocatore ancorato al loro interno. Non hanno una disposizione logica, e la presenza di macchine pressoché simili su entrambi i lati rende difficile l’orientamento e l’individuazione dell’uscita. La presenza inoltre di macchinette e video poker estese in altezza impedisce che le persone possano vedere oltre, un muro capace di disorientare chiunque.

Chiudiamo con un’ultima considerazione dal sapore di assioma: Il segreto per limitare i danni nelle giornate in cui la dea della Fortuna si è dimenticata della nostra esistenza è quello di monitorare costantemente le perdite e carpire in tempo il momento giusto per ritirarsi.