Il fenomeno del Gambling nel 2013-2014: numeri, bilanci, spese per giocatore e trend delle 20 region

dic 16

82,7 miliardi di euro raccolti nel 2014, solo un 1,4 in meno rispetto al 2013. L’industria del gambling in Italia continua a muovere capitali, nonostante la crisi economica non cessa di mollare la morsa sulle nostre finanze. Il 55% arriva da new slot e video lottery, con 46 miliardi, seguite in classifica dai giochi online (poker cash, poker a torneo e casinò games) con 12,4 miliardi (il 15% del totale). Alle loro spalle i Gratta&Vinci con poco meno di 9,2 miliardi (-4,7% rispetto ai 9,6 miliardi del 2013), poi il Lotto, in controtendenza rispetto ad altri giochi, con una raccolta cresciuta del 2,6% a 6,5 miliardi, e le scommesse che hanno totalizzato quasi 5,3 miliardi.

La nostra redazione ha effettuato una ricerca nel tentativo di fornirvi dati ufficiali e veritieri sulla distribuzione del gioco d’azzardo nelle diverse regioni. L’analisi della spesa procapite annua per giocatore nel 2013 conferma l’evoluzione dei trend registrato nel 2014, a partire dal successo ‘planetario’ di new slot e vlt, e alle conferme di Lotto e Lotterie. Per ciascuna regione abbiamo analizzato i trend principali, mettendo in evidenza i caratteri peculiari e le differenze tra regione e regione nell’ambito di un bilancio complessivo del fenomeno gambling in Italia

ABRUZZO

  • New Slot e Vlt 953 €
  • Bingo 30 €
  • Ippica 14
  • Giochi a base sportiva 43 €
  • Eurojackpot, Winforlife e Superenalotto 23 €
  • Lotterie 231 €
  • Lotto 135 €

Sembra paradossale, nonostante non abbia città con popolazione superiore ai 200mila abitanti, ma è proprio l’Abruzzo la regione con la maggiore spesa procapite annua in giochi d’azzardo regolamentati AAMS. Pescara è al nono posto tra i capoluoghi per numero di giocatori e scommettitori. A dominare le scene sono sempre le New Slot e Vlt, con un tetto quasi pari a quello della ricchissima Lombardia, parametro cinque volte maggiore rispetto alle Lotterie, vero e proprio fenomeno tra i giocatori della Regiione. L’altra faccia della medaglia vede, invece, l’Abruzzo in testa ai casi di azzardopatiaa.

LOMBARDIA

  • New Slot e Vlt 1013 €
  • Bingo 23 €
  • Ippica 14 €
  • Giochi a base sportiva 37 €
  • Eurojackpot, Winforlife e Superenalotto 32 €
  • Lotterie 170 €
  • Lotto 100 €

Il paradiso delle slot e degli eccessi. La Lombardia indossa la maglia rosa da leader nella speciale classifica di spesa procacapite 1033 euro investite in New Slot e Vlt, 270 euro complessivi tra Lotterie e Lotte, e un’ottima propensione per il Lotto e le scommesse sportive. Pavia è stata definita dal New York Times come la capitale del gioco d’azzardo, in virtù del numero di ‘macchinette’ in funzione del numero di abitanti. I prezzi più alti rispetto alle altre regioni sono da relazionare al tenore di vita nettamente più alto rispetto ad altre realtà italiane. Lotterie, Lotto e scommesse sportive hanno registrato una netta crescita rispetto al passato, pur mantenendosi a livelli siderali da New Slot e Vlt. L’epicentro del fenomeno è Milano e il suo hinterland, La regione Lombardia è l’antesiniana in Italia nella lotta alle slot e la prima in assoluto ad approvare delle leggi proibizioniste in materia.

LAZIO

  • New Slot e Vlt 911 €
  • Bingo 36 €
  • Ippica 18 €
  • Giochi a base sportiva 49 €
  • Eurojackpot, Winforlife e Superenalotto 28 €
  • Lotterie 211 €
  • Lotto 110 €

Il Lazio è la terza regione italiana per spesa nel gioco d'azzardo. Come ormai consuetudine nel nostro paese, anche qui la maggiore fonte di spesa sono New Slot e Vlt, che sono presenti in modo massiccio in regione: solo a Roma sono quasi 300 le sale slot, e le stime parlano di 50.000 slot machine, vale a dire il 12% del totale nazionale. Nonostante la capitale sia una metropoli con un flusso di capitali e visitatori notevoli, i valori medi di spesa procapite per giocatore sono simili a quelli di altre regioni con un ‘bacino d’utenza’ decisamente più limitato rispetto al Lazio. Sorprende il tasso legato alle Lotterie, dato che attesta l’amore dei capitolini e dei cittadini laziali per uno dei giochi in cui con pochi euro è possibile sognare di conquistare il mondo. Ottimo anche l’exploit delle scommesse sportive, con una media per giocatore vicinissima ai 50 Eiùro.

EMILIA ROMAGNA

  • New Slot e Vlt 995 €
  • Bingo 29 €
  • Ippica 14 €
  • Giochi a base sportiva 39 €
  • Eurojackpot, Winforlife e Superenalotto 22 €
  • Lotterie 165 €
  • Lotto 85 €

Emilia e Romagna. Due pianeti tanto differenti quanto simili, soprattutto quando si parla di gambling. In Emilia-Romagna sono presenti 21 sale bingo, 562 punti vendita concorsi pronostici, 2.843 punti vendita per giochi a totalizzatore (Win for life, Superenalotto), 290 luoghi di scommesse ippici, 404 luoghi di scommesse sportivi , 2.457 ricevitorie del lotto, 4.749 punti vendita lotterie. In totale sono 31.631 le slot machine in 7.244 esercizi e 4.870 le videolottery in 404 sale, con una spesa procapite annua vicina ai 100 euro. Le new slot fanno da triano ad un settore in cui lotterie e scommesse sportive ben figurano. Nessuno avrebbe mai potuto immaginare come la regione dei tortellini e del ragù sia ai primi posti in questa speciale classifica.

LIGURIA

  • New Slot e Vlt 892 €
  • Bingo 25 €
  • Ippica 10 €
  • Giochi a base sportiva 33 €
  • Eurojackpot, Winforlife e Superenalotto 23 €
  • Lotterie 122 €
  • Lotto 103 €

Il fenomeno del gioco d’azzardo cresce in Liguria, regione che ospita anche il Casino di Sanremo, che da anni fa da traino a tutti il movimento regolamentato dall’AAMS. Il bottino di New Slot e Vlt si avvicina allaa soglia dei 900 euro, segno tangibile di come le nuove forme di gioco si siano diffuse nella background culturale di un popolo considerato avaro, ma che in realtà scommette e investe buona parte dei propri risparmi in tale settore. Ma non sono tutte rose e fiori. In due anni sono aumentate del 47% le richieste di aiuto di giocatori d'azzardo in Liguria. I servizi Sert dei dipartimenti di salute mentale hanno aiutato 116 persone nel 2011 e 347 nel 2013. Il 22% sono donne, età media tra 40-54 anni.

MOLISE

  • New Slot e Vlt 885 €
  • Bingo 16 €
  • Ippica 0 €
  • Giochi a base sportiva 29 €
  • Eurojackpot, Winforlife e Superenalotto 16 €
  • Lotterie 140 €
  • Lotto 115 €

Il Molise è la regione con la più alta percentuale di giocatori d’azzardo in Italia. Lo rende noto l’Istituto di Fisiologia Clinica di Pisa secondo cui il 57,5% della popolazione regionale ha il cosiddetto vizio del gioco. Un dato che supera anche quello della Campania, regione che per cultura e tradizione è sempre in vetta alle classifiche. Il ragionamento è semplice, basti pensare al rapporto tra popolazione complessiva della Regione e soldi spesi in new slot, vlt, loterie e lotto, bottino superiore alle 1000 euro globali.

TOSCANA

  • New Slot e Vlt 857 €
  • Bingo 19 €
  • Ippica 26 €
  • Giochi a base sportiva 39 €
  • Eurojackpot, Winforlife e Superenalotto 21 €
  • Lotterie 160 €
  • Lotto 74 €

La Toscana viene considerata da molti esperi del settore come la terra del gioco dìazzardo. La regione è tra i principali territori per concentrazione di “macchinette”: Massa è addirittura la capitale italiana dei mini-casinò ma anche a Prato, Lucca e Pisa la diffusione delle slot machine è molto alta e la propensione al gioco addirittura preoccupante. Oltre alla passione per le apparecchiature di intrattenimento, la Toscana è uno degli hot spot dell’Ippica, settore che in Italia stenta a prendere piede. Non siamo ai livelli dell’Inghilterra, ma puntare su un cavallo è uno dei costumi.vizi dei toscani.

TRENTINO ALTO ADIGE

  • New Slot e Vlt 911 €
  • Bingo 20 €
  • Ippica 9 €
  • Giochi a base sportiva 28 €
  • Eurojackpot, Winforlife e Superenalotto 17 €
  • Lotterie 136 €
  • Lotto 53 €

Secondo l’Associazione Contribuenti il Trentino Alto Adige sarebbe all’ultimo posto nella top 20 dei giocatori più incalliti, ma I dati relative alla spesa procapite per gioco dipingono un quadro totalmente differente. Una media di 911 euro annue investite tra new slot e vlt, è emblematica di quanto le nuove forme di gioco si siano diffuse nella regione settentrionale. Gli altri sono perfettamente nella media delle regioni italiane, come è nella media anche il valore corposo delle Lotterie. Il numero più basso di giocatori ludopatici è un segnale evidente di come l’educazione al gioco responsabile abbia avuto successo in una regione nota per i servizi di alta qualità che comuni, province e regione offrono ai cittadini.

MARCHE

  • New Slot e Vlt 787 €
  • Bingo 21 €
  • Ippica 15 €
  • Giochi a base sportiva 47 €
  • Eurojackpot, Winforlife e Superenalotto 19 €
  • Lotterie 179 €
  • Lotto 104 €

Dalle Dolomiti voliamo all’Appennino Marchigiano. Dalle slot machine che ormai sono una presenza fissa negli angoli di quasi tutti i bar marchigiani, ai centri scommesse che spuntano come funghi nei nostri quartieri fino alle “cascate” di gratta e vinci che scendono dalle pareti del nostro tabaccaio di fiducia. Le Marche sono una delle regioni al top in termine di spesa al gioco. Le onnipresenti New Slot e Vlt dominano le statistiche in termini di spesa procapite annua, ma I giocatori locali non sfigurano anche in termine di denaro ‘investito’ in scommesse sportive, lotterie e lotto. Le Marche non si fanno mancare proprio nullo e hanno in Ascoli Piceno, al decimo posto nella classifica sulla concentrazione di casinò per abitanti, l’hot spot del gioco.

UMBRIA

  • New Slot e Vlt 804 €
  • Bingo 9 €
  • Ippica 10 €
  • Giochi a base sportiva 40 €
  • Eurojackpot, Winforlife e Superenalotto 19 €
  • Lotterie 194 €
  • Lotto 85 €

Il cuore verde dell’Italia e una passione per il gioco d’azzardo come pochi. Stiamo parlando ovviamente dell’Umbria, terra incontaminata e paradiso del relax per migliaia di turisti provenienti dall’estero. Ma la regione italiana non è solo terra di conquista per stranieri, è anche uno dei paradisi del gambling come confermano gli 804 euro di spesa procapite annua per giocatore. L’epicentro del gioco è Terni, tra le prime dieci città in Italia sia nel numero di giocatori che di concentrazione di mini-casinò. Non solo new slot nelle preferenze degli umbri. Le scommesse sportive e le lotterie rientrano a pieno titolo nelle preferenze dei giocatori, con un totale superiore ai 230 euro e tra i più alti (in rapporto al numero di abitanti e alla densità demografica) del nostro Paese.

VENETO

  • New Slot e Vlt 865 €
  • Bingo 17 €
  • Ippica 0 €
  • Giochi a base sportiva 24 €
  • Eurojackpot, Winforlife e Superenalotto 18 €
  • Lotterie 135 €
  • Lotto 72 €

Il Veneto è la regione che ospita il casino più antico del mondo, che ha fatto da musa ispiratrice all’evoluzione del gambling. Stiamo parlando del Casinò di Venezia, che sta attraversando una fase di crisi legate all’assenza di acquirenti per il restyling e la gestione della nota casa da gioco sulla Riviera. La spesa annuale sostenuta dai cittadini del Veneto, per il gioco d’azzardo è aumentati di oltre il 40% rispetto al 2008, superando ormai i 1000€ pro capite. Quasi 15 mila abitanti della regione hanno problemi di dipendenza da gambling e scommesse, una cifra troppo alta, che ha reso necessario un intervento netto e deciso del governo regionale per arginare i colpi di coda del gambiling. A dominare le scene sono gli 865 euro di spesa procapite per gioco in New Slot e Vlt, mentre forte è anche la diffusione delle Lotterie.

PIEMONTE

  • New Slot e Vlt 825 €
  • Bingo 28 €
  • Ippica 10 €
  • Giochi a base sportiva 33 €
  • Eurojackpot, Winforlife e Superenalotto 19 €
  • Lotterie 122 €
  • Lotto 89 €

Una spesa annua in continua crescita, che ha ormai superato i cinque miliardi di euro. La vicinanza al Casino di Saint Vincent e alla Costa Azzurra sono due fattori da non sottovalutare nell’analisi complessiva dei dati riguardanti il Piemonte, elementi che attestano il legame della regione con il gambling in tutte le sue forme. A recitare il ruolo di primo attore le New Slot e Vlt con una spesa procapite annua di 825 €. Forte anche l’interesse del giocatore medio piemontese nei confronti delle scommesse sportive e delle lotterie.

FRIULI

  • New Slot e Vlt 818 €
  • Bingo 22 €
  • Ippica 7 €
  • Giochi a base sportiva 24 €
  • Eurojackpot, Winforlife e Superenalotto 29 €
  • Lotterie 102 €
  • Lotto 74 €

Da Reggio Calabria a Udine, il trend è praticamente identico. Il Friuli è una delle regioni in cui New Slot e Vlt sono una religione, come dimostrano gli 818 euro di spesa procapite annua. Un dato eloquente che, oltre ad evidenziare le affinità dei giocatori medi friulani rispetto a questa categoria di gambling, è cresciuto inesorabilmente negli ultimi anni. La diffusione del gambling nella sua forma più pura e il conseguente strascico di casi legati al gioco d’azzardo patologico, ha portato il governo regionale ad approvare nel mese di febbraio alcune leggi per limitare la diffusione delle ‘macchinette’. Al di là dei 102 euro di Lotterie, il movimento del gambling in Friuli è trainato per il 70% da queste tipologie di apparecchiature.

CAMPANIA

  • New Slot e Vlt 616 €
  • Bingo 38 €
  • Ippica 16 €
  • Giochi a base sportiva 95 €
  • Eurojackpot, Winforlife e Superenalotto 21 €
  • Lotterie 135 €
  • Lotto 150 €

La Campania è in testa alla classifica del gioco d'azzardo minorile con il 57,8% degli studenti giocatori, contro la media nazionale del 47,1% dei giovani delle scuole medie superiori. Una tendenza in netto contrasto rispetto a molti regioni del sud in cui il ‘vizietto’ del gioco è molto diffuso dai 45 anni in su. A dominare il campo New Slot e Vlt con una spesa procapite annua superore ai 616 euro, il Lotto (fenomeno endemico radicato nella cultura del gioco campano) e le scommesse sportive. La Campania figura al secondo posto nazionale nella classifica dei giocatori più incalliti, primato dei molisani, con epicentro Napoli. 106 sale gioco e 2.115 esercizi commerciali che ospitano congegni automatici per il gioco. La spesa complessiva in Campania si attesta su circa nove miliardi di euro annui con slot machine e video lottery a farla da padroni.

VALLEDAOSTA

  • New Slot e Vlt 710 €
  • Bingo 0 €
  • Ippica 0 €
  • Giochi a base sportiva 16 €
  • Eurojackpot, Winforlife e Superenalotto 23 €
  • Lotterie 172 €
  • Lotto 86 €

La Valle d’Aosta occupa il quarto posto nazionale nella classifica dei giocatori incalliti, un dato interpretabile con la tradizione e la presenza nella regione a statuto speciale di uno dei quattro casinò terrestri italiani. La situazione economica problematica del Casino di Saint Vincent sta contribuendo ad una migrazione del gioco dalla nota casa di gioco ai mini casinò diffusi nel fazzoletto di terra al confine con la Francia, come testimoniano i 710 euro di spesa procapite annue in New Slot e Vlt. Praticamente nulli i valori di Bingo e Ippica, mentre è fortemente diffuso il culto per Lotterie.

PUGLIA

  • New Slot e Vlt 544 €
  • Bingo 16 €
  • Ippica 7 €
  • Giochi a base sportiva 59 €
  • Eurojackpot, Winforlife e Superenalotto 19 €
  • Lotterie 189 €
  • Lotto 126 €

Il 2009 è una data chiave per la Puglia, momento in cui le spese in New Slot e Vlt hanno eguagliato quelle provenienti da altri giochi. A partire da quell’anno gli apparecchi da intrattenimento hanno progressivamente distanziato i competitors, scavando un solco praticamente incolmabile nonostante la leadership meridionale nel settore delle Lotterie e del Lotto. Attualmente la Puglia occupa il terzo posto dietro a Campania e Sardegna nel campo degli apparecchi da intrattenimento, mentre i giocatori del ‘Tavoliere’ sono tra i più ‘fissati’ nel campo delle scommesse sportive: la ‘bolletta’ è una sorta di religione come attestano i 60 euro di spesa media procapite annua.

SARDEGNA

  • New Slot e Vlt 610 €
  • Bingo 10 €
  • Ippica 3 €
  • Giochi a base sportiva 0 €
  • Eurojackpot, Winforlife e Superenalotto 25 €
  • Lotterie 158 €
  • Lotto 87 €

La Sardegna occupa il terzultimo posto nella classifica dei giocatori più incalliti di Italia, secondo una recente indagine condotta dal Centro Studi e Ricerche Sociologiche “iKrls - Antonella Di Benedetto” di Krls Network of Business Ethics per Contribuenti.it. Nonostante ciò, come in tutto il Sud Italia New Slot e Vlt godono dei favori degli appassionati del settore con quasi 610 euro di spesa procapite annua. La differenza rispetto alle altre regioni del meridione riguarda il Lotto, poco in voga nell’isola dei Nuraghi, e le scommesse sportive ferme praticamente a quota zero. Sassari è l’hot spot regionale del gambling.

CALABRIA

  • New Slot e Vlt 513 €
  • Bingo 7 €
  • Ippica 6 €
  • Giochi a base sportiva 36 €
  • Eurojackpot, Winforlife e Superenalotto 20 €
  • Lotterie 125 €
  • Lotto 113 €

La Calabria è la seconda regione del sud dove si gioca d’azzardo come confermano i dati relativi alla spesa procapite annua in New Slot e Vlt, ampiamente superiore a quota 500 euro. Il background culturale e la diffusione capillare delle ‘macchinette’ di nuova generazione in bar, ricevitorie e mini-casinò è un dato di fatto, come la presenza e la passione di migliaia di giocatori nelle diverse province. Una ricerca condotta recentemente da Fipac Confesercenti, spiega come il fenomeno sia ampiamente diffuso tra i pensionati, L’altra faccia della medaglia sono i 12mila malati patologici che rientrano proprio in questa fascia debole della popolazione.

BASILICATA

  • New Slot e Vlt 504 €
  • Bingo 0 €
  • Ippica 0 €
  • Giochi a base sportiva 36 €
  • Eurojackpot, Winforlife e Superenalotto 17 €
  • Lotterie 140 €
  • Lotto 107 €

Slot, Lotterie e Lotte. Nonostante le sue dimensioni ridotte, la Basilicata è una delle regioni d’Italia in cui il rapporto tra spesa annua per gioco e popolazione è piuttosto alto. A dominare la scena sono gli apparecchi di intrattenimento come New Slot e Vlt, una tendenza particolarmente diffusa nei piccoli centri urbani delle province di Matera e Potenza. Lotterie e Lotto si confermano a buoni livelli raggiungendo un tetto complessivo di spesa procapite annua vicina ai 250 euro. Singolare l’assenza completa di entrate dal bingo e dall’ippica, segno evidente che la popolazione della Basilicata sia ancorata alle forme di gioco classico insite nella cultura della sua popolazione.

SICILIA

  • New Slot e Vlt 380 €
  • Bingo 45 €
  • Ippica 11 €
  • Giochi a base sportiva 32 €
  • Eurojackpot, Winforlife e Superenalotto 15 €
  • Lotterie 147 €
  • Lotto 142 €

La Sicilia è una delle regioni meridionali leader nell’uso e consumo di gambling. Il bilancio del 2014 parla chiaro: quasi il 5 per cento del Pil delle province siciliane è speso in gambling, A comandare la classifica delle province dell’isola più bella del Mediterraneo è Palermo con il 6,64 per cento, seguono con il 5,88 Trapani e con il 5,54 Messina. New Slot e Vlt hanno totalizzato 391 milioni di euro di giocate, il 38,4% del totale regionale, un dato inferiore alla media nazionale (57%). Il Lotto occupa la seconda posizione in termini di spesa con 241 milioni di (23,6%), mentre ai piedi del podio troviamo il Gratta e Vinci con 202 milioni di (19,7% del totale). Questi tre giochi, da soli, rappresentano più dell’81% della spesa complessiva della Sicilia. Un quadro in perfetta assonanza con le spese procapite annuali per gioco.