Liquidità condivisa tra il Regno Unito e New Jersey

lug 13

Il Regno Unito e lo Stato del New Jersey potrebbero presto condividere il mercato del poker online, in seguito all’invio, la scorsa settimana, di alcune lettere da parte dell’ente regolatore degli Stati Uniti (Division of Gaming Enforcement - DGE) alle piattaforme di iGaming operanti in entrambi i territori, chiedendo loro di individuare un sistema di scambio di liquidità tra le parti.

Il direttore della DGE, David Rebuck, ha dichiarato che tale misura estenderebbe la portata del segmento iGaming nel New Jersey a più di 70 milioni di persone .

"Con 9 milioni di persone in New Jersey, e più di 63 milioni nel Regno Unito, ciò significherebbe un massiccio aumento della liquidità per gli operatori del New Jersey", ha spiegato Rebuck. "Anche senza considerare bambini e non-giocatori, permette l’ accesso ad un mercato che ha molta familiarità col gioco online. Tale numero rappresenta un quinto della popolazione totale degli Stati Uniti", ha aggiunto.

In base a quanto riportato nel Global Gaming Business l’iniziativa è stata pensata per aumentare la partecipazione nel poker online, ma col tempo potrebbe essere estesa anche ai giochi di casinò online, secondo un portavoce della DGE. Nel Regno Unito sono inoltre considerate legali le scommesse sportive online, che, invece sono vietate ai giocatori provenienti dagli Stati Uniti secondo quanto stabilito dal Governo Federale.

Le piattaforme comuni includono siti web come 888.com, GVC ( ex PartyPoker ), PokerStars, Gamesys e Betfair. Ma non tutti gli operatori iGaming offrono poker nel New Jersey, quindi non è chiaro il modo in cui potrebbero partecipare, almeno nelle fasi iniziali di implementazione. I giocatori di ogni piattaforma sarebbero costretti a giocare su quella piattaforma e non potrebbero incrociarsi tra loro. Per giocare altrove, dovrebbero aprire un nuovo account.

Il mercato del poker online nel New Jersey è guidato da PokerStars, autorizzato di recente e di proprietà di Amaya Gaming, WSOP (un client 888), PartyPoker e il Borgata (nella piattaforma GVC).

"Le lettere inviate agli operatori sono solo un inizio", ha sottolineato Rebuck, "in quanto gli operatori devono decidere se il sistema è fattibile. Il funzionario ha spiegato che le lettere sono state inviate dopo essere giunti ad un accordo con la Gambling Commission del Regno Unito, che regola tutti i giochi della nazione europea".

"Dobbiamo ancora affrontare un sacco di questioni: regolamenti specifici, come verrebbe applicata l'aliquota fiscale in ogni giurisdizione, l'identificazione del giocatore, problemi di geo- localizzazione, e altre cose che probabilmente ancora non abbiamo considerato. Ma da qualche parte bisogna pur cominciare", ha aggiunto.

Secondo la legge vigente in New Jersey, solo i giocatori che si trovano fisicamente all'interno dello Stato possono avere accesso ai siti di gioco online approvati dallo Stato, ma allo stesso tempo, la legge consente allo Stato di accedere ad uno scambio di liquidità condivisa con un'altra giurisdizione. Il New Jersey ha legalizzato il gioco d'azzardo online nel 2013. Negli Stati Uniti c'è solo un comparto iGaming interstatale, tra gli stati del Delaware e il Nevada, che ha come operatore comune 888.com, il quale gestisce anche i siti di casinò Caesars nel New Jersey e WSOP.com.

"Abbiamo preso contatti col Nevada, ma il fatto che siamo limitati ad un operatore rende la proposta difficile da realizzare", ha spiegato. 888/WSOP è di gran lunga l’operatore dominante nel mercato del Nevada, che ha determinato la scomparsa del gestore originale Ultimate Gaming e il successivo arrivo di Real Poker, gestito dal casinò South Point di Las Vegas.

La lettera inviata dalla DGE ha sollecitato una risposta da parte degli operatori del New Jersey con piattaforme comuni nel Regno Unito entro il prossimo 1 agosto.

"Siamo molto seri sulla questione", ha affermato Rebuck, "e vogliamo muoverci il più rapidamente possibile in modo che l'iGaming nel New Jersey continui la crescita impressionante che ha vissuto negli ultimi 15 mesi-"

Il Regno Unito rappresenta circa il 10% di tutto il mercato europeo per i giochi di casinò online secondo uno studio condotto da Deloitte. La crescita dei casinò online ha visto un aumento di oltre il 10% all'anno.

Nei primi cinque mesi del 2016, i ricavi dei casinò online in New Jersey sono stati di 78,4 milioni di dollari; un aumento del 30% se confrontato con lo stesso periodo dello scorso anno.