Generale

Proprietà Intellettuale e Intelligenza Artificiale. Come possiamo tutelare i diritti dei creativi?

Mentre l'IA generativa continua a evolversi, è imperativo che le industrie creative trovino modi per integrare queste tecnologie senza compromettere la creatività e i diritti dei creatori umani
Proprietà Intellettuale e Intelligenza Artificiale. Come possiamo tutelare i diritti dei creativi?

I rapidi progressi nell'intelligenza artificiale generativa (IA) stanno suscitando dei sentimenti contrastanti, da un lato un notevole entusiasmo e dall'altro una grande preoccupazione, soprattutto all'interno delle industrie creative. Gli strumenti legati all’IA hanno il potenziale per rivoluzionare il modo in cui creiamo arte, musica e contenuti, per tale motivo stanno emergono anche crescenti preoccupazioni riguardo il loro impatto sulla proprietà intellettuale, sui diritti d'autore e sul ruolo dei creatori umani.

Il recente annuncio di Sony Music Group sull'uso dell'IA per aiutare gli artisti a creare nuovi brani ha portato queste questioni in primo piano. Come azienda con una lunga storia nel settore musicale, la decisione di Sony Music di esplorare l'IA solleva interrogativi su come si evolveranno le relazioni tra IA e creativi umani. Chi possiede i diritti d'autore quando una canzone è creata dall'IA? Come bilanciamo la tutela dei diritti dei creatori umani con l'innovazione tecnologica?

Bilanciare personalizzazione, privacy e accessibilità

Con il progredire dell'IA generativa, piattaforme che sfruttano tecnologie Hyper-Personalized (HIP) e DeepAI stanno emergendo come leader mondiali. Gli sviluppatori di IA possono creare "playgrounds" per la personalizzazione dei prodotti in cui gli utenti possono addestrare e migliorare i modelli di IA per soddisfare le loro esigenze specifiche. Molti di questi sistemi vengono già adottatati da diversi casinò online italiani per proporre slot online e altre tipologie di giochi legate alle preferenze di ciascun utente. Questi ambienti isolati sono separati dai servizi pubblici dell'IA, offrendo sicurezza aggiuntiva e controllo sulla privacy dei dati.

Un aspetto chiave è l'uso di tecnologie cloud-computing per addestrare e distribuire modelli di IA. Le aziende possono sfruttare le infrastrutture cloud per ottenere enormi quantità di dati e risorse computazionali necessarie per l'IA generativa. Tuttavia, questo approccio solleva preoccupazioni riguardo chi possiede i diritti sulla musica o sull'arte prodotta dall'IA e come vengono remunerati i creatori umani.

Questa tecnologia ha il potenziale di affrontare alcune delle problematiche che le industrie creative stanno attualmente vivendo. Ad esempio, gli artisti possono utilizzare strumenti di IA per addestrare e migliorare il loro lavoro, garantendo che i loro stili e le loro voci rimangano distintivi. Tuttavia, l'ascesa di questi strumenti potrebbe anche rendere obsoleti alcuni ruoli creativi, con significative implicazioni per l'occupazione.

Stabilire normative chiare nell'IA Generativa

Man mano che l'industria creativa naviga nel panorama dell'IA generativa, è fondamentale stabilire chiari confini e normative. La tecnologia di IA generativa offre strumenti potenti, come avviene anche nel settore del gambling online, ma è essenziale bilanciare l'innovazione con la tutela dei diritti dei creatori umani. Ad esempio, Sony Music ha recentemente sviluppato strumenti di IA che aiutano a identificare le tendenze musicali emergenti, migliorando così il processo creativo e fornendo maggiore protezione ai creatori umani.

In sintesi, mentre l'IA generativa continua a evolversi, è imperativo che le industrie creative trovino modi per integrare queste tecnologie senza compromettere la creatività e i diritti dei creatori umani. Le normative devono essere aggiornate per riflettere queste nuove realtà, garantendo che i creatori umani ricevano un'equa remunerazione e che la proprietà intellettuale sia protetta.

Davide Luciani

: Redattore

Giornalista pubblicista di origine abruzzese e Copywriter da oltre sette anni. Su GamingReport mi occupo di redigere articoli sul mercato del gambling nazionale e internazionale, oltre a recensire slot machine e casinò online. Collaboro anche con delle testate sportive come Sportcafe24.com e con La Legge per Tutti, portale di diritto legato all'informazione giuridica e alla consulenza legale, commerciale e fiscale.