La Svizzera apre le frontiere al gioco online: i punti salienti del nuovo disegno di legge

nov 03

Il Consiglio Federale Svizzero ha espresso la sua intenzione di regolamentare tutti i giochi d’azzardo esistenti contestualizzandoli in un’unica legge. Per questo motivo, pochi giorni fa, ha inviato al Parlamento un disegno di legge che riflette in gran parte l'attuale legislazione, ma introduce inoltre diverse novità, come l'offerta di giochi da casinò online e l’organizzazione, sebbene con condizioni molto restrittive, di piccoli tornei di poker anche fuori dalle case da gioco. Il progetto prevede anche la protezione contro i pericoli del gioco con l’impiego di denaro e contempla che non saranno soggetti all'imposta sulle plusvalenze le vincite derivate dalle lotterie e dalle scommesse sportive. I proventi generati dal gioco d'azzardo saranno destinati sia al sistema pensionistico, AVS e Al, sia a scopi di pubblica utilità.

La nuova legge è in linea con l'articolo costituzionale sui giochi in denaro, approvato l’11 marzo 2012 dal Popolo e dai Cantoni, e si pone in sostituzione sia alla legge del 18 dicembre1998 sul gioco d'azzardo e i casinò, sia a quella del lontano giugno del 1923 riferita alle lotterie e alle scommesse organizzate a livello professionale.

Il Consiglio Federale ha dichiarato quanto segue: "Considerati i progressi sociali e tecnologici, il disegno di legge cancella il divieto relativo all’offerta di giochi di casinò online. I casinò potranno ampliare le proprie offerte in rete e i tornei di poker potranno essere organizzati anche fuori dai casinò”.

La tutela del giocatore, a fronte della maggior offerta di giochi d'azzardo, sarà ulteriormente rinforzata. Saranno gli stessi organizzatori del gioco d'azzardo ad elaborare strategie che includano misure adeguate, pena l’esclusione del gioco, commisurate ai rischi potenziali. Prevenire il gioco eccessivo e promuovere azioni di consulenza e supporto per le persone a rischio dipendenza e per le loro famiglie, dovranno essere prerogativa dei vari Cantoni. Spetterà inoltre alla Commissione federale sulle case da gioco, CFCG, e all’autorità intercantonale di vigilanza e d’esecuzione, Comlot, oltre ad una costante vigilanza sul gioco d’azzardo, l’impiego di uno specialista esperto in prevenzione e dipendenza.

La legge contiene ulteriori disposizioni relative ad una gestione sicura e trasparente dei giochi tenendo in conto il pericolo derivante dalla manipolazione di eventi o manifestazioni sportive; disposizioni per far fronte al riciclaggio di denaro e azioni finalizzate al contrasto di giochi non autorizzati da cui scaturiscono disposizioni penali che prevedono il blocco di accesso ai giochi online dall’estero.

Il nuovo disegno di legge prevede l'esenzione fiscale di tutte le vincite di gioco contrapponendosi alla legge vigente, secondo la quale invece, i guadagni provenienti da lotterie e scommesse sportive sono imponibili, mentre quelli derivanti dai casinò non lo sono.

"L'esenzione fiscale di tutte le vincite di gioco elimina anche questa differenza di trattamento rispetto al gioco d'azzardo all’estero, dove le vincite di lotterie e scommesse sportive non sono soggette, in generale, all'imposta sul reddito”.

E’ prevista inoltre la creazione di un organo di coordinamento: questo sarà composto da un numero uguale di rappresentanti delle autorità esecutive federali e cantonali per istituzionalizzare lo scambio di opinioni e la cooperazione tra queste stesse autorità. Rifacendosi fedelmente alla legge in vigore, i casinò dovranno ancora richiedere una licenza ed essere sottoposti alla supervisione federale.

Sulle entrate lorde del gioco sarà riscossa la tassa sui casinò, 336 milioni di franchi del 2014, da destinarsi all’ AVS. Lotterie, scommesse sportive e giochi di abilità saranno ancora soggetti ad autorizzazione e alla vigilanza dei Cantoni. L’ utile netto di lotterie e scommesse sportive continuano ad essere pienamente utilizzati per fini pubblici, in particolare culturali, sportive e sociali (nel 2014, 599 milioni di franchi) .

Sarà possibile ancora giocare con i soldi nella sfera privata e senza alcuna autorizzazione. Inoltre, saranno autorizzati lotterie e giochi di abilità per promuovere le vendite, a condizione che vi si possa partecipare anche gratuitamente.